ISOPTT: Accrescere il potenziale delle piccole e micro imprese al Trasferimento Tecnologico Transnazionale

ISOPTT: Accrescere il potenziale delle piccole e micro imprese al Trasferimento Tecnologico Transnazionale

Homepage | Contatti | Mappa del sito 

Case History: Information retrieval

Competitive Intelligence presso la Spintec AB

Background

In un mercato odierno caratterizzato da repentini cambiamenti, dove le tecnologie e i mercati stessi mutano e muoiono in continuazione, è fondamentale raccogliere, analizzare ed interpretare le informazioni disponibili nell’ambiente circostante con il fine di formulare piani d’azione mirati. In breve: la Competitive Intelligence (CI) si occupata di raccogliere informazioni e dati da una molteplicità di fonti, tra cui, le principali sono proprio i competitor, mercati, trend, clienti e tecnologie. Queste informazioni, una volta raccolte, devono essere analizzate con cura sulla base delle necessità dell’azienda e delle sfide future che si sono poste.

Le grandi aziende conoscono e utilizzano da tempo queste strategie. Le piccole e medie imprese (PMI), al contrario, non fanno uso sistematico o regolare di queste tecniche, principalmente per le seguenti ragioni:
  • Mancanza di consapevolezza circa l’importanza del mondo circostante
  • Mancanza di risorse (temporali, lavorative e finanziarie)
  • Mancanza di metodologie di Competitive Intelligence che siano fattibili anche per le PMI
Nel caso di successo qui descritto, IVF ha coinvolto 5 PMI con lo scopo di capire come poter spingere le PMI ad utilizzare simili strategie, formandole, dunque, sulle principali questioni concernenti la Competitive Intelligence e, individuandone i bisogni, permettendo loro di attivare un processo di CI.

Spintec

Spintec, lacalizzata nella città di Eskilstuna nel centro della Svezia, è specializzata nella realizzazione di alberini ad alta velocità per le macchine utensili. I clienti sono pricipalmente fornitori di macchine utensili per macinare e scavare. La compagnia è stata creata negli anni '70 come filiazione della azienda manufatturiera Öbergs.

La compagnia ha 10 impiegati ed è gestita da privati. Oltre alle normali attività descritte, Spintec opera come rivenditore di prodotti similari a quelli fabbricati per altre imprese manifatturiere.

I clienti di Spintec sono principalmente acquirenti svedesi, con tuttavia un buon 30% di prodotto esportato all’estero. I suoi principali competitor sono europei, in particolare tedeschi, svizzeri ed italiani.

Outline del progetto

IVF ha allocato una squadra di due persone per seguire questo progetto, un esperto in macchine utensili e un esperto in marketing e Competitive Intelligence. Durante un periodo di sei mesi, la squadra ha avuto numerosi incontri con i manager di Spintec, seguendoli, pertanto, nel progetto passo per passo.

Il progetto è stato diviso nelle seguenti parti:
  1. Introduzione alla CI e l’importanza di essere informati
  2. SWOT analisis (Strengths, Weaknesses, Threats and Opportunities)
  3. Identificazione di questioni e decisioni future cruciali
  4. Introduzione e formazione alla raccolta di informazioni
  5. Messa in atto di un processo di CI

Risultati

Durante il processo sopra menzionato numerose sono state le aree emerse in cui l’azienda ha ritenuto di dover maggiormente indirizzare le questioni emerse dalla SWOT analisis. In particolare, si trattava delle aree relative:
  • Come si svilupperà il mercato degli alberini ad alta velocità?
  • Cosa stanno facendo i nostri competitor?
  • Quali saranno i mercati più attrattivi?
  • Come si svilupperanno le tecnologie parallele a quella prodotta dall’azienda?
Per rispondere a questi quesiti, la squadra IVF/Spintec ha attivato un processo di raccolta ed analisi dei dati come segue: una piccola azienda come Spintec non può investire un gran numero di risorse umane e di tempo nell’attività di raccolta informazioni, per questo è risultato preferibile che si ponesse maggiore enfasi nell’utilizzo delle informazioni già in possesso dall’azienda o di elementi che comunque fossero emersi durante il corso dei lavori. Queste ultime informazioni potrebbero essere incrementate raccogliendo dati più accurati solo su alcune aree ritenute strategiche.

Il metodo operativo suggerito per Spintec è stato nominato DICA (Distributed Information-Gathering, Central Analysis). In questo modello, la PMI utilizza le informazioni provenienti da fonti esterne solo per alcune importanti aree di interesse supplendo così alla possibile carenza di informazioni già in possesso. In questo progetto, IVF ha assunto il ruolo di filtratore delle informazioni.



Le informazioni sono state successivamente rese in un formato standard e sono state analizzate dall’azienda comparandole con le fonti interne già in loro possesso. Per aiutare il processo d’analisi, è stata creata una matrice contenente una sintesi delle principali decisioni di mercato prese e una lista di possibili fattori che possano incidere hegativamente sullo sviluppo dell’azienda.

Conclusioni

Lo scopo del progetto era:
  • Introdurre il concetto CI in Spintec
  • Spiegare l’utilità e la necessità del CI
  • Sviluppare e presentare un metodo semplice di utilizzo della CI, su misura delle esigenze di Spintec
  • Partendo dalla situazione e dalla strategia di Spintec, cominciare un processo di CI attraverso l’istituzione di un vero e proprio modello per la raccolta e l’analisi delle informazioni valido per le PMI
  • Attivare un processo interno in Spintec per rendere la CI una prassi continua
Il responso di Spintec a questo progetto è stato estremamente positivo, e il management ha compreso molto presto l’importanza e l’utilità della CI. In particolare, il reperimento dati attraverso internet è stato considerato estremamente positivo e promettente.

Nonostante l’analisi condotta inizialmente per il progetto fosse stata estremamente limitata, informazioni più approfondite ed aggiornate per l’azienda sono state reperite rapidamente, in particolare i dati relativi ad altri possibili mercati di espansione e possibili idee da sviluppare nel futuro.



ISOPTT: Accrescere il
potenziale delle piccole
e micro imprese al
Trasferimento Tecnologico
Transnazionale